Perché Luigino Fiocco non andrà in galera?

Luigino Fiocco non ha mai avuto paura di finire dentro, anche quando è stato condannato. In passato, ha scontato le condanne continuando tranquillamente a delinquere grazie al meccanismo dell'”affidamento ai servizi sociali“. Ad esempio, mentre incamerava le decine di miliardi del famigerato progetto Aviotech, truffando lo stato e la regione sarda, scontava una condanna a tre anni e mezzo in affidamento ai servizi sociali!

In pratica, poteva delinquere anche mentre scontava una pena. Anche adesso, in Brasile, Luigino Fiocco, con l’aiuto dei suoi amici brasiliani, intende comportarsi nello stesso modo, rimanendo agli arresti domiciliari finché non venga definita la sua estradizione. Proprio in questi giorni, dal suo comodo appartamento e con l’aiuto del figlio Matteo Fiocco, continua indisturbato i suoi intrallazzi, contando sul fatto che tutto il tempo passato in Brasile agli arresti domiciliari lo avvicina alla possibilità di non scontare la galera se verrà estradato in Italia. Infatti, raggiunti i 70 anni, la legge italiana prevede la possibilità di scontare la pena agli arresti domiciliari, comoda sistemazione dalla quale il nostro vulcanico Luigino Fiocco si godrà le decine di milioni incamerati in passato e continuerà a truffare bellamente come ha sempre fatto.

La domanda resta sempre la stessa: come mai nessuno ha mai cercato i milioni spariti?

Come mai nessuno ha mai investigato sulle proprietà della moglie Maria Grazia Fumagalli? E dei tre figli? e Del fratello Pietro Fiocco? Inoltre: di quali protezioni gode in Brasile il nostro eroe?

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s